LORO 1

Titolo Originale: Loro 1
Paese: ITALIA
Anno: 2018
Regia: Paolo Sorrentino
Sceneggiatura: Umberto Contarello, Paolo Sorrentino
Produzione: INDIGO FILM, IN COPRODUZIONE CON PATHÉ
Interpreti: Toni Servillo, Elena Sofia Ricci, Riccardo Scamarcio, Fabrizio Bentivoglio, Kasia Smutniak, Ricky Memphis

Prima parte. Il faccendiere Tarantini (Riccardo Scamarcio) è abile nell’ottenere favori per certi suoi appalti pubblici fornendo in cambio prestazioni sessuali delle sue “ragazze” ma ora vuole puntare più in alto: vuole arrivare a “Lui”. Apprende dalla scuola di Ricucci (Ricky Memphis) come si organizza una squadra di olgettine e a sua volta seleziona le più belle ragazze disponibili e con queste affitta una casa in Sardegna di fronte alla villa di Berlusconi, nell’attesa della buona occasione.
Seconda parte Berlusconi, con sua moglie Veronica si trova in Sardegna in stato di forzata inattività. Ha ormai 70 anni, ha appena terminato il suo terzo mandato. Chiacchiera con il suo nipotino ma soprattutto cerca di riconquistare la moglie, che pur conoscendo che tipo di uomo infedele ha sposato, non tollera che sia messa in discussione la sua dignità. Silvio vede a distanza il motoscafo noleggiato da Tarantini ed è incuriosito dalle tante belle ragazze che si affollano sul ponte…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Un ritratto crudo e acritico di ragazze che usano con disinvoltura il proprio corpo come merce di scambio per ipotetici favori
Pubblico 
Maggiorenni
Uso continuo di droghe. Accoppiamenti con nudità complete. Molte nudità parziali.
Giudizio Artistico 
 
Sorrentino, in questo numero 1, ha realizzato un lavoro altamente discontinuo, solo a tratti brillante, non solo nello sviluppo del racconto ma anche nello stile adottato

Diciamo subito che è un impegno inutile cercare di recensire Loro 1. Non si tratta della prima parte di un racconto organizzato in due puntate. Loro è un film di quattro ore che è stato brutalmente tagliato in due, lasciando, nella prima parte, più domande che conferme. Come se non bastasse, Loro 1 è diviso in due capitoli non comunicanti: nel primo si parla di “loro”, coloro che si trovano o cercano di entrare, alla corte di “Lui”; il secondo è tutto incentrato su di Lui e su sua moglie, tranquillamente chiamata con il suo nome, Veronica.

Non resta quindi, in attesa che esca Loro 2 (il 10 maggio) che analizzare singolarmente i due capitoli.

Dopo Il Divo, dopo The Young Pope e ora con il dittico Loro, è evidente che al regista-sceneggiatore Paolo Sorrentino interessa il mistero che si nasconde, non dietro ma dentro gli uomini che hanno potere, qualunque forma prenda. Cerca di cogliere la fascinazione che emana da questi personaggi, in grado di influenzare milioni e milioni di persone, pronte a seguirli, qualunque maldicenza venga formulata nei loro confronti.

Sorrentino però non è un narratore, ma un pittore. Non è interessato all’evoluzione, alle possibili trasformazioni degli uomini che dipinge ma cerca di catturare, di fermare la rappresentazione visiva di quel potere magico e fascinoso che loro emanano. Sorrentino non condanna, non è interessato ai risvolti politici né tantomeno a tematiche etiche ma è affascinato dalla figura del superuomo che è al di là del bene e del male e vuole coglierne il segreto. In questa prospettiva era stato dichiarativo in Il Divo quando aveva fatto dire ad Andreotti “la nostra, inconfessabile contraddizione: perpetuare il male per garantire il bene. Tutti a pensare che la verità sia una cosa giusta e invece è la fine del mondo. E noi non possiamo consentire la fine del mondo in nome di una cosa giusta”. Ora è di nuovo Toni Servillo, questa volta nei panni di Berlusconi, in un colloquio con il suo nipotino a dire che “la verità è solo la convinzione e il tono con cui si fa un’affermazione”. C’è quindi qualcosa di “divino” nei suoi personaggi perché definiscono loro cosa sia la verità; resta quindi da scoprire in che modo gestiscono il potere. Se ne Il Divo, Sorrentino non faceva mistero di ritenere che Andreotti si fosse alleato con la mafia, nel caso di Berlusconi il regista deve essere rimasto affascinato dal modo con cui questo personaggio ha trasferito comportamenti tipici del mondo televisivo a quello politico. Se alle porte di uno studio televisivo si affollano attricette, ballerine, ansiose di essere notate e certi dirigenti dicono di offrire loro quello che desiderano in cambio di prestazioni sessuali, ora questo tipo molto particolare di “moneta”, ne deduce Sorrentino,  si è trasferito alla politica. E’ il tema trattato nella prima parte del  film. Tutto il  processo viene descritto in dettaglio: da quando le ragazze vengono selezionate,  al momento in cui vengono “presentate” alle persone che contano e infine come loro  siano abili nel ricattare chi ha usufruito delle loro prestazioni.

La prima parte è indubbiamente la più pesante: Sorrentino cerca di rendere tutto esplicito attraverso numerose nudità, scene di accoppiamento e un uso ininterrotto di droghe. Se la analizziamo dal punto di vista del pubblico più adatto, il film andava vietato ai minori di 14 anni proprio per questa prima parte, cosa che scandalosamente non è avvenuto; se la osserviamo da un punto di vista artistico, è strano che proprio Sorrentino, maestro dell’immagine come sintesi fulminante, abbia realizzato una descrizione così compiaciuta e ripetitiva dei vizi sessuali del sottobosco politico, che non sembra neanche di scorgere la sua calligrafia.

La seconda parte è totalmente differente. Silvio e Veronica conversano sul loro passato, prospettano un futuro dove (almeno lui) spera in un loro riavvicinamento. Non c’è nessuna “cattiveria” né satira deformante in questa seconda parte. Probabilmente è il frutto delle due conversazioni avute dal regista con Veronica, (che ha anche scelto chi l’avrebbe interpretata: Elena Sofia Ricci) e Sorrentino non ha avuto intenzione di infierire.

Nel complesso si tratta di un lavoro brillante solo a tratti, con un eccesso di simbolismi compiaciuti (la pecora, il bisonte, il topo), molto disomogeneo.

Molto negativo è il ritratto che il regista ha fatto di tante ragazze, che utilizzano con disinvoltura il loro corpo per cercare di ricavarne dei vantaggi. Questo fenomeno non è ritratto come negativo ma semplicemente come pura registrazione di una realtà del mondo moderno.

Autore: Franco Olearo


Share |